Recensione del Film Killing season

Killing season

Per la prima volta insieme sul grande schermo John travolta e Robert De Niro si fronteggiano nel discreto Thriller D’azione  diretto da Mark Steven Johnson,  basato su uno script cinematografico anni 70 poco fortunato nella distribuzione..

Benjamin Ford è un veterano della guerra di Bosnia, ritiratosi in uno chalet sui monti Appalachi per dimenticare gli orrori della guerra.  Un giorno incontrerà uno straniero europeo, tra i due nascerà una (apparente) amicizia. Tutto cambia quando Ford scopre che Kovac in realtà è un soldato in cerca di vendetta. Inizierà così un giocoso duello mortale tra i due veterani.
Killing season si presenta come  un Thriller/Azione di discreta fattura, con la falsa promessa di trattare un tema importante come quello della guerra in Bosnia rendendolo però più morbido al pubblico odierno.  Il risultato è mediocre.
  
La suspense da thriller nel film è poco incisiva e limitata, i dialoghi sono prevedibili e il proseguo anche. Fortunatamente dopo la prima mezz’ora il ritmo del film si rinforza con una buona dose d’azione, sembra che la strana Coppia (Emil Kovac) John Travolta e Robert De Niro (Benjamin Ford) per la prima volta insieme sul grande schermo funzioni discretamente.  Purtroppo le scelte del cast mi sono sembrate un poco frettolose e poco adatte, specie per Robert De Niro. Non voglio levare nessun merito alle più che buone interpretazioni di entrambi  gli attori.  Vedere Però un De Niro nei panni di una specie di Rambo mi è sembrata una scelta poco fortunata.  Robert De Niro interpreta bene la parte del veterano ritiratosi a vita privata, ma è poco credibile nelle sezioni Action più spinte.  Fortunatamente la fotografia nel film restituisce più spessore al prodotto, svolgendo bene il suo lavoro nel ricreare l’atmosfera giusta per un duello all’ultimo sangue lontano dalla civiltà. Anche la colonna sonora e gli effetti audio sono curati e bene orchestrati rendendo più affascinante il proseguo della visione da parte dello spettatore.
In fondo Killing season è il risultato di uno script degli anni settanta dall’ottimo potenziale ma caduto nel limbo dei problemi legati alla distribuzione. Nonostante tutto Mark Steven Johnson regista di poca fortuna  è riuscito a dirigere un discreto film, il miglior insieme al tamarrissimo Ghost Rider del 2007. Killing season raggiunge il solo e unico obiettivo di intrattenere senza complicazioni lo spettatore nei suoi 95 minuti di durata. Se una sceneggiatura del genere fosse stata affidata a un regista più esperto il risultato con buone probabilità sarebbe stato un film di altro spessore.

Di Salvatore Farruggio

Cast

Robert De Niro, John Travolta, Milo Ventimiglia, Elizabeth Olin

Recensione del Film Killing season
Vota questo articolo

Operatore cinematografico, io e il mio amico Totò Farruggio partecipiamo entrambi alla gestione di questo blog, amanti del Cinema, speriamo di condividere con voi i nostri pensieri ed emozioni

Rispondi