Recensione del Film Carrie – lo sguardo di Satana

Carrie - lo sguardo di Satana

Kimberly Peirce regista del magnifico Boys don’t cry degli anni 90s, torna a cavalcare le sale cinematografiche negli anni 2000 con il film Stop-loss. Dopo Quattordici anni di silenzio si ripresenta con il suo ultimo lavoro; il rifacimento di – Carrie lo sguardo di Satana- pellicola del 1976 del maestro Brian de Palma.

Carrie White (Chloe Moretz) è una ragazza  dominata da una madre (Julianne Moore) possessiva e ossessionata dal culto del suo Dio.  La sua influenza negativa rende Carrie timida, goffa e chiusa verso tutti e tutto compresi i suoi compagni di scuola. Questi isolano e scherniscono con insulti Carrie, maltrattandola quasi ogni giorno.  La nostra timida protagonista non è ancora consapevole dell’immenso potere che è racchiuso dentro di lei. Questo inizierà a manifestarsi dopo l’aggressione subita in bagno dopo l’ora di ginnastica.
Il remake di Kimberly Peirce è dotato di buon cast e di buoni effetti speciali.  Chloe Moretz mostra le sue qualità di attrice perfettamente a suo agio e in sintonia con il resto del cast, specie con la sempre in forma Julianne Moore. 
Non basta comunque un buon cast e degli effetti speciali e una discreta fotografia per proporre un riadattamento cinematografico di una pellicola già prodotta nel 1976 dal maestro Brian de Palma. Il prodotto della regista Peirce non è brutto si lascia guardare senza però generare stupore. L’eccessiva linearità si fa comunque sentire e l’unico elemento nuovo presente in questa reincarnazione, risiede nella rilettura del concetto del disagio sociale nell’era dei social network.  Interessante elemento di riflessione ma insufficiente a giustificare questo lavoro come innovativo, specie se l’ultima produzione della regista Kimberly Peirce risale a quattordici anni fa.
Purtroppo questa moda dei remake è la chiara dimostrazione che nel mondo del cinema non si ha più voglia di produrre opere originali ma semplicemente copiare e incollare tutto attraverso un cerotto. Peccato mi sarei aspettato qualcosa di più incisivo dalla regista di –Boy don’t cry – uscito nel millenovecentonovanta e divenuto subito cult…  

Di Salvatore Farruggio

Cast
Chloe Moretz, Judy Greer, Portia Doubleday, Alex Russell, Gabriella Wilde.
Ansel Elgort, Julianne Moore, Connor Price, Zoë Belkin, Cynthia Preston, Max Topplin, Samantha Weinstein, Skyler Wexler, Kim Roberts, Kyle Mac, Nykeem Provo, William MacDonald, Philip Nozuka, Karissa Strain, Chris Britton, Katie Strain, Mouna Traoré, Alana Randall, Travis Hedland, Julia Caudle

Recensione del Film Carrie – lo sguardo di Satana
Vota questo articolo

Operatore cinematografico, io e il mio amico Totò Farruggio partecipiamo entrambi alla gestione di questo blog, amanti del Cinema, speriamo di condividere con voi i nostri pensieri ed emozioni

cinerecensione

Operatore cinematografico, io e il mio amico Totò Farruggio partecipiamo entrambi alla gestione di questo blog, amanti del Cinema, speriamo di condividere con voi i nostri pensieri ed emozioni

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.