Recensione del film The Expendables 3

The expandables 3

Patrick Hughes dirige questa nuova missione dei Mercenari. Con questo capitolo arriviamo al numero III della fortunata saga scritturata da Stallone.


I Mercenari sono in viaggio verso la prigione di massima sicurezza di Denzail per liberare il dottor morte, ex medico ed esperto di coltelli nonché amico di vecchia data di Barney Ross e membro di vecchia data dei mercenari.  Una volta preso doc lo arruola per una missione. Eliminare un pericoloso e potente trafficante d’armi  chiamato Victor Menz. Una volta arrivati sul posto e aperto le danze, si accorgono che l’obiettivo è Stonebanks, celato sotto il falso nome di Victor Menz Menz , Ross e Doc rimangono sconcertati dalla sorpresa. A quel punto Barney esce dal nascondiglio e ingaggia uno scontro a fuoco con stonebanks. Qui questi avrà la meglio e dopo una rocambolesca battaglia e fuga, Banks ferirà un membro dei mercenari  e li costringerà ad una ritirata strategica.  Da qui Ross cercherà una nuova squadra per dare la caccia a stonebanks e porre fine al suo regno di sangue.
Per Patrick Hughes questo film rappresenta il suo secondo lungometraggio accompagnato da un cast di tutto rispetto appartenente alla vecchia scuola quando si parla di film d’azione made in USA. Naturalmente questo capitolo dei Mercenari si è giunti al terzo atto con alcune novità nel cast e nei relativi  personaggi. Bruce Willis è stato sostituito da Harrison Ford che introduce un nuovo personaggio (drammer), Gibson nei panni del cattivo di turno e vediamo anche il ritorno di Wesley Snipe nei panni di doc e Antonio Banderas interpreta Galgo.

La sceneggiatura è poco curata e poco originale, risulta essere il banale pretesto per dare sfogo ad una pioggia di piombo rovente,  situazioni al limite del credibile, battutacce tipiche degli Action Movie statunitensi con i beniamini resi celebri tra gli anni 80s e la prima metà degli anni 90s. Il tutto è confezionato in maniera discreta è arricchito da una buona dose di autoironia. Proprio nell’opener ad esempio si fa riferimento ai problemi dell’attore Snipe legati al fisco. Purtroppo però non basta una dose di auto ironia per lanciare un prodotto di tutto rispetto. Infatti, il film è incapace di regalare quelle buone emozioni dei due capitoli precedenti.  Certo non ci troviamo di fronte un film che pretende di essere impegnativo o serio ma semplicemente vuole rendere omaggio alle vecchie glorie del cinema d’azione Americano, con ottimi effetti speciali e ottimi stuntman accompagnata da una buona colonna sonora ma comunque insufficiente a rendere il prodotto finale realmente valido.
In conclusione questo The Expendables III nonostante presenti delle rilevanti scelte nel cast, questo si presenta stanco e poco convincente. Infatti il  prodotto finale è appena discreto dall’animo stanco, poco curato nella sceneggiatura è incapace di restituire quelle buone emozioni dei capitoli precedenti.

Di Salvatore Farruggio

Cast
Sylvester Stallone, Jason Statham, Jet Li, Antonio Banderas, Wesley Snipes.
Mel Gibson, Dolph Lundgren, Harrison Ford, Arnold Schwarzenegger, Kellan Lutz, Terry Crews, Kelsey Grammer, Robert Davi, Sarai Givaty, Randy Couture

 The Expendables 3 (2014) on IMDb

Recensione del film The Expendables 3
Vota questo articolo

Operatore cinematografico, io e il mio amico Totò Farruggio partecipiamo entrambi alla gestione di questo blog, amanti del Cinema, speriamo di condividere con voi i nostri pensieri ed emozioni

1 commento su “Recensione del film The Expendables 3

Rispondi