Recensione Ilaria Alpi doc di Claudio Canepari

Claudio Canepari dirige questo doc film in collaborazione con Rai Fiction e prodotto da Magnolia. Il documentario tratta in maniera accurata e senza sbavature o forzature il delicato caso della giornalista inviata del Tg3, assassinata a Mogadiscio nel 1994, durante l’aspro conflitto Somalo in cui erano coinvolte La CIA e lo Stato Italiano e altre potenze.

Cosa aveva scoperto Ilaria Alpi per attirare la morte su di lei? La giornalista aveva forse trovato un collegamento tra attività sospette della Cia e della sua collaborazione con gli agenti segreti Italiani all’epoca dei fatti chiamati Gladio? O ancora lo smaltimento di rifiuti tossici in terra somala approfittando del caos generato dal conflitto? Grazie a nuovi esclusivi documenti dell’ONU e seguendo una pista importante e finora inesplorata che porta fino in Lettonia, il caso della giornalista è stato riaperto, riesaminato e ancora oggetto di vari studi.

Il documentario si presenta bene, la ricostruzione dei fatti è minuziosa e si avvale dell’utilizzo di video originali e autentici documenti tenuti segreti fino a poco tempo fa! L’Inserimento d’interviste ad amici, colleghi e parenti che si erano tenuti in contatto con Ilaria nei suoi ultimi duecento giorni in Somalia, arricchiscono ancora di più questo prodotto fine e curato nei minimi dettagli. Molta cura è stata data anche alla descrizione del profilo professionale e personale di Ilaria e del suo Cameraman, mostrandoci il carattere e la tempra della giornalista. Claudio Canepari e Gabriele Gravagna sono riusciti a riportare alla luce altri tasselli di questa vicenda celata ancora nel mistero. Molte domande ancora restano oscure come ad esempio; Quale è stato il grado di coinvolgimento dello Stato Italiano in questa vicenda? Perché il nostro Stato ha eseguito delle azioni di depistaggio delle prove? Queste e tante altre domande aleggiano nella testa di chi visionerà questa produzione Rai Fiction di altissimo valore giornalistico e di grande valenza storica.

In conclusione, questo documentario su Ilaria Alpi, si è rivelato molto ben curato nel ricostruire i passi di della giornalista del TG3 e delle sue scoperte. Un prodotto fine e dallo scopo nobile, diretto con perizia e cura nei dettagli, al fine di fare chiarezza su di un’altra pagina nera che vede coinvolto il nostro Paese.

Di Salvatore Farruggio

Recensione Ilaria Alpi doc di Claudio Canepari
Vota questo articolo

Operatore cinematografico, io e il mio amico Totò Farruggio partecipiamo entrambi alla gestione di questo blog, amanti del Cinema, speriamo di condividere con voi i nostri pensieri ed emozioni

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.